GiottoFruit

Kiwi

Kiwi


Il kiwi è originario della Cina. Grazie all'intraprendenza
dei Neozelandesi il frutto è diffuso e coltivato anche in
Europa.
Proprio da loro ha acquisito l'appellativo di "kiwi", uccello
simbolo del Paese.
Si può chiamare anche actinidia anche se è preferibile
chiamare in questo modo la pianta per distinguerla dal
frutto.
È intensamente coltivato in Nuova Zelanda, Stati Uniti ed
Europa meridionale (Italia e Francia).
Le colture più estese in Italia si trovano in Veneto,
Emilia-Romagna, Piemonte, Puglia e Lazio.
Il periodo di produzione copre tutto l'anno essendo prodotto
in Paesi a diverse latitudini.
L'aspetto della pianta ricorda la vite: lunghi tralci che si
attorcigliano raggiungendo anche i 10 mt di lunghezza.
Il frutto è una bacca ricchissima di vitamina C e fibre.
Il kiwi si può consumare al naturale, dopo aver tolto la
buccia, tagliato a fettine in macedonie o torte di frutta
oppure per gelati e frullati.
Una curiosità: mettete un kiwi spappolato sopra una
bistecca per circa 30 minuti, la rende più tenera e digeribile.