GiottoFruit

Ciliegia

Ciliegia


Questo albero è chiamato ciliegio dolce per differenziarlo
dal ciliegio acido che produce le amarene.
Originario dell'Asia Minore grazie ai Romani si è diffuso
in tutto l'Impero Romano.
È coltivato nelle regioni del Mediterraneo, Europa
Centrale e Stati Uniti. I maggiori produttori sono
Germania, Romania, Italia e Stati Uniti.
In Italia le regioni maggiormente interessate a questa
coltura sono l'Emilia-Romagna, il Veneto, la Campania e
il Piemonte.
Il periodo di produzione va da maggio ad agosto.
Il frutto è una drupa pendente di forma pressoché sferica,
giallo o rosso chiaro o scuro, con polpa tenera o
consistente, aderente al nocciolo.
È opportuno maneggiarla con cura e conservarla in
frigo a temperature medie.
La polpa della ciliegia contiene in media l'80% di acqua,
15% di zuccheri, sali minerali e una discreta quantità di
vitamine B e C.
Può essere consumata fresca o utilizzata per preparare
marmellate, liquori e sciroppi.
Per favorire l'azione diuretica e decongestionante delle
vie urinarie si consiglia un decotto di piccioli di ciliegia:
farne bollire circa 30 gr in un litro di acqua per circa 10
minuti e versare questo decotto bollente su 250 gr di
ciliegie; dopo 10 minuti schiacciare e filtrare il tutto.
Berne due o tre tazze al giorno.